Chiamami al 335 7021640

Home » Acquisto barca » Il Motorsailer: un sogno?

Il Motorsailer: un sogno?

Immagine storica di un MotorsailerQuesto tipo di barca viene richiesto da quando è iniziato il Covid 19, mentre prima e ormai da anni non era mai stato motivo di ricerca.

Chi cerca un motorsailer ancora oggi? Normalmente chi abita nell’entroterra, lontano dal mare e che cerca una barca non particolarmente grande, natante o imbarcazione, che permetta di vivere un po’ a bordo nei fine settimana, anche quando il tempo è brutto.

E’ strano, ma nessuno cerca un motorsailer per andare poi in crociera o anche per fare brevi uscite giornaliere. Questo tipo di barca è diventato un po’ una casa, in cui conta solo l’abitabilità.

Che cos’ha di particolare un motorsailer, rispetto alla barca a vela? Due cose: una tughetta un po’ rialzata, che ospita la timoneria interna e l’altezza in cabina e un motore abbastanza potente.

Il fatto – che ho rilevato in tutta la mia vita di tecnico – è che la timoneria interna, in Italia, viene regolarmente smontata, perché tanto non serve, visto che c’è anche la classica timoneria a ruota nel pozzetto.

Alcuni motorsailer non hanno pozzetto, ma solo un ponte di poppa con la ruota del timone: per questo bisogna o timonare in piedi, dato che la tughetta più alta impedisce di vedere a prora, cosa che alle lunghe stanca, oppure montare su delle seggiole pieghevoli, trespoli instabili e poco gradevoli.

Non se ne parla mai di timonare dall’interno, perché d’estate il tempo è bello ed è sgradevole stare
rinchiusi.

L’altro motivo per cui viene cercato questo tipo di imbarcazione, dipende dal fatto il motore entrobordo sia un po’ più potente di quei deboli motori che spesso venivano dati con le barche a vela. Per questo si cerca un motore che sia più potente, per poterci riportare a casa quando c’è troppo vento o mare cattivo.

Dunque il motorsailer non ha avuto un largo successo in Italia, come è stato all’estero ed è oggi è praticamente introvabile vista la concorrenza delle barche a vela pensate per la crociera, che hanno motori adeguati e altezza in cabina per poter stare in piedi nella dinette.

Cosa conviene fare quando non si trova un motorsailer? Conviene cercare direttamente un cabinato a vela di interni comodi e motore adeguato.

Concludendo: se il motorsailer troppe volte rimane soltanto un sogno, si può benissimo rivolgere a barche a vela, anche se natante, ma ottime per la crociera e possibilmente di buon cantiere costruttore, anche se datate.

Così è più facile trovare una barca adatta, senza diventare matti a cercare qualche cosa che ormai in Italia considero molto raro.

Vogliamo parlarne? Potete telefonarmi al 335/7021640, grazie al mio servizio di consulenza telefonica gratuita, che faccio dal 1974.

 

Arch. Gino Ciriaci


 

Condividi questo post:
Post Tagged with

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *